Archivi tag: Pace

Domenica delle Palme ai tempi del coronavirus

Inizia con la Domenica delle Palme la Settimana Santa,  in questa domenica si ricorda l’ingresso trionfale di Gesù a Gerusalemme, avvenuto a cavallo di un asino, mentre la folla ne osannava il nome, agitando rametti di palma.

Ai tempi del Coronavirus  “la folla” non può  accorrere  numerosa, ma può assistere attraverso un monitor alle varie celebrazioni che vengono trasmesse.

La benedizione delle palme è documentata sin dal VII secolo ed ebbe uno sviluppo di cerimonie e di processioni. In Occidente essendo questa domenica riservata a cerimonie prebattesimali (il battesimo era amministrato a Pasqua) e all’inizio solenne della Settimana Santa, benedizione e processione delle palme  si sviluppò solo nel XI secolo.

Quest’anno dopo molti secoli non potremo  portare nelle nostre case l’ulivo benedetto. Ci accontenteremo di quello virtuale. Di una benedizione via etere, a distanza.

Anche questo è un segno dei tempi!  

Auguri di Buon Natale

Prima di entrare nel turbinio dei messaggi che invieremo per augurare Buon Natale utilizzo questo mezzo per fare i miei Auguri di un sereno Santo Natale.

Uso le parole prese da l’Omelia della notte di Natale del 2013 di Papa Francesco:

 “I pastori sono stati i primi (…) a ricevere l’annuncio della nascita di presepeauguriGesù. Sono stati i primi perché erano tra gli ultimi, gli emarginati. E sono stati i primi perché vegliavano nella notte, facendo la guardia al loro gregge. E’ legge del pellegrino vegliare, e loro vegliavano. Con loro ci fermiamo davanti al Bambino, ci fermiamo in silenzio. Con loro ringraziamo il Signore di averci donato Gesù”.

“Il Signore ci ripete: Non temete’. Come hanno detto gli angeli ai pastori: ‘Non temete’. E anch’io ripeto a tutti voi: Non temete! Il nostro Padre è paziente, ci ama, ci dona Gesù per guidarci nel cammino verso la terra promessa. Egli è la luce che rischiara le tenebre. Egli è la misericordia: il nostro Padre ci perdona sempre, Egli è la nostra pace”

 
Spesso siamo presi da altri pensieri e non siamo a “vegliare”, pronti come dovremmo, ma rimane la certezza che non abbiamo da temere perché il Padre è sempre pronto a perdonarci.

Buon Natale