Archivi tag: bike

Nova Eroica ai tempi del Covid

Per il rotto della cuffia  la NOVA Eroica, spostata da aprile a fine ottobre,  si è potuta disputare.   Non è stata la stessa cosa. I luoghi rimangono molto suggestivi e belli,  il colori  giallo/oro  e marrone della primavera/estate   sono sostituiti dal verde   e dai colori autunnali,    belli e ugualmente suggestivi. 

 Ma il clima che si respira intorno a queste manifestazioni in tempo di covid non è lo stesso.  Gli organizzatori sono stati bravissimi e rispettosi delle regole ma il clima , non quello meteorologico  fin troppo clemente,   non si può avere con tutte queste ristrettezze.  Manca il contorno di festa, mancano   gli abbracci  gli scambi di  emozioni lungo  il percorso e  durante i ristori.  Una Eroica senza anima. 

Una Eroica di speranza in preparazione a quelle che verranno.

 

 

Che esperienza L’Eroica

Erano tanti anni che volevo partecipare a l’Eroica. E finalmente ci sono riuscito.

Bici A

A gennaio ho fatto la pre-iscrizione ed il 23 febbraio sono riuscito ad iscrivermi.

A quel punto non avevo più scuse.

Appesantito, senza allenamento e soprattutto con la vecchia bici Atala da sistemare, non potevo mancare questo appuntamento. Lo stimolo a partecipare mi ha fatto trovare il tempo per sistemare, finalmente, la bici (era in garage ad attendere l’eroica da almeno 15 anni) e  “macinare” un po di chilometri di strada. Un allenamento minimo per non giungere stanco morto all’arrivo.

Alla fine  sono riuscito a partecipare a questa grande manifestazione senza arrivare stanco morto all’arrivo. Obiettivo minimo raggiunto.

Uno dei miei compagni di avventura  sostiene che siamo andati piano, per questo siamo arrivati “freschi”. Per me dovevamo andare ancora più piano, per godersi l’ambiente e le meravigliose strade in un paesaggio che è tra i più belli e suggestivi al mondo.

Peroica18er chi non lo sapesse a l’Eroica non si vince niente, non ci sono tempi registrati e non viene stilato un ordine di arrivo.

Si pedala con bici costruite prima del 1987 e si gode del panorama e delle persone che vi partecipano, alcune delle quali sono veramente originali.

E’ una grande festa, soprattutto per chi ama la bicicletta. Tanti appassionati che senza l’assillo della prestazione si cimentano in questa avventura  solo per il gusto di partecipare, per voler esserci con il proprio stile e la propria bicicletta.

 

Un momento in cui l’amore per la bici, la bellezza del paesaggio, il buon cibo e il vino più famoso del mondo si fondono con il tentativo di rievocar29442268124_50e88be9e6_ke un mondo che non c’è più fatto di strade senza asfalto e con pochissime automobili.

Cibo e vino. Certo lungo il percorso non mancano punti di ristoro con salumi, ribollita e buon vino!

Certo questa manifestazione è anche un grande business, soprattutto per le
strutture ricettive, per i ristoranti e per le tante attività che ruotano intorno alla manifestazione.

Ma lo spirito non agonistico rende questa giornata una festa ed un inno alla bellezza della nostra Toscana.

Penso che parteciperò anche il prossimo anno, con la speranza e la voglia di organizzare un giorno, con le dovute proporzioni, una manifestazione simile anche nel nostro territorio. Vedremo.

 

Clicca QUI per vedere delle Foto della gioranta