Un anno che se ne va

Il 2018 è stato un anno molto pesente.

Troppo. 

Ci sono stati per me eventi esterni ed interiori che non mi hanno lasciato mai un momento di respiro. 

Momenti che non sempre ho condiviso sui social, se non marginalmente, comunque eventi non facili, con riflessi emotivi difficili da descrivere. Occasioni importanti per riflettere e pensare. 

Politicamente avrei moltissimo da dire, la delusione per la situazione del paese e del Partito Democratico non mi fa guardare con molto ottimismo, per ora, al futuro. Nel prossimo anno ci sara un evento che comunque influenzerà il “mio” 2019. Le prossime elezioni amministrative. Sembra ieri invece a maggio finisce questa legislatura nella quale ho avuto il privilegio di fare una grande e bella esperieza amministrativa. Una esperienza che mi ha cambiato come “poltico” e come uomo. 

Non so cosa augurarmi per il prossimo anno. Sicuramente non un anno come questo appena trascorso. 

“Nella modalità dell’avere, il tempo diviene il nostro dominatore. Nella modalità dell’essere, il tempo è detronizzato, cessa di essere l’idolo che governa la nostra vita” 
(Erich Fromm)

Buon 2019. 

 

 

 

    

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *